Separazione tra conviventi Unioni civili

Il divorzio di una coppia omosessuale nella unione civile

divorzio di una coppia omosessuale nella unione civile

Ecco come una coppia gay può chiedere il divorzio

La L.76/2016, oltre ad aver istituito la possibilità per una coppia di persone dello stesso sesso di costituire una unione civile, ha previsto anche i rimedi alla fase patologica dell’unione, sancendo le norme alla base del divorzio di una coppia omosessuale.

Innanzitutto è bene dire che una coppia di persone dello stesso sesso che intenda divorziare non deve passare per la fase di separazione legale, che è invece prevista per le coppie eterosessuali unite in matrimonio. Sarà possibile chiedere immediatamente il divorzio.

Esistono due tipologie di scioglimento dell’unione civile:

1) lo scioglimento automatico

2) lo scioglimento per istanza unilaterale, cioè per richiesta di una delle parti.

Le cause di scioglimento automatico della unione civile sono la morte del partner, la morte presunta e la rettifica di sesso.

Le cause di divorzio unilaterale invece sono varie. Alcune sono previste per legge, quelle previste dall’articolo 3, numero 1) e numero 2), lettere a), c), d) ed e), della legge 1 dicembre 1970, n. 898 .

Ad esempio: quando, dopo la celebrazione della unione civile, uno dei due sia stato condannato, con sentenza passata in giudicato, anche per fatti commessi in precedenza all’ergastolo o a una pena superiore ad anni quindici, a una pena detentiva per reati a sfondo sessuale, oppure per omicidio volontario di un figlio ovvero per tentato omicidio a danno del coniuge o di un figlio, oppure ancora quando il partner, cittadino straniero, ha ottenuto all’estero l’annullamento o lo scioglimento del matrimonio o ha contratto all’estero nuovo matrimonio.

In ogni caso, il divorzio di una coppia omosessuale può essere ottenuto anche al di fuori dei casi tipici previsti dalla legge.

In qualunque momento, uno dei due partner è libero di chiedere il divorzio, anche se l’altro non è d’accordo, secondo quanto sancito dall’Art. 1 comma 24 della L. 76/2016.

Cosa bisogna fare in questi casi?

Sarà necessario che il partner che vuole chiedere il divorzio faccia una dichiarazione all’Ufficiale di Stato Civile, in cui dichiara che intende procedere alla richiesta di divorzio. Dopo 3 mesi da questa dichiarazione potrà ottenere il divorzio in tre modi:

– con un procedimento dinanzi al Giudice;

– con la dichiarazione congiunta dinanzi al Sindaco;

– con la negoziazione assistita dagli avvocati;

Grazie agli strumenti introdotti dal D.l. 132/2014 (convertito in Legge 162/2014), i tempi del divorzio sono brevissimi.

Per avere assistenza legale per un procedimento di divorzio di una coppia omosessuale è consigliabile contattare un avvocato matrimonialista. Clicca qui per trovare un avvocato matrimonialista nella tua città.