Agevolazioni Ciò che devi sapere News

Agevolazioni Coppie di fatto: l’Edilizia Popolare

Agevolazioni Edilizia Popolare

 

Coppie di fatto ed Agevolazioni Pubbliche: l’Edilizia Popolare

Il Consiglio di Stato ha recentemente emanato una sentenza importantissima in tema di convivenza ed agevolazioni pubbliche in materia di edilizia popolare, confermando la sentenza del T.a.r. Toscana, n. 1667/2012.

Alcune Leggi Regionali, infatti, contemplano agevolazioni anche per le coppie di fatto, oltre che per le famiglie unite in matrimonio.

La leggere regionale n.96/2006 della Regione Toscana ad esempio, disciplina l’assegnazione, la gestione e la determinazione del canone di locazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica, concedendo, anche alle coppie di fatto, di poter partecipare alle graduatorie per l’edilizia residenziale pubblica.

Con il provvedimento datato 16 gennaio 2015 il Consiglio di Stato ha sancito : dato che la Legge Regionale  n.96/1996 della Toscana all’art. 5, nell’individuare i requisiti per l’assegnazione di contributi pubblici in materia di edilizia popolare per le coppie di nuova formazione, richiede che i beneficiari siano soggetti legati da un rapporto di stabile convivenza, ebbene i suddetti requisiti per la fattispecie della convivenza more uxorio non possono che essere desunti dalla comune residenza nell’abitazione oggetto di assegnazione, mancando qualunque altra prova certa e documentale.

Cosa significa ?

Significa che il requisito della stabile convivenza per l’amministrazione pubblica – sulla base della normativa applicabile al caso concreto – che avrebbe dato diritto alla coppia di fatto di usufruire delle agevolazioni, non è stato ritenuto provato poichè sulla base della documentazione allegata emergeva che i conviventi non risultavano residenti presso la medesima abitazione.

Ma non solo.

Il Consiglio di Stato ha sottolineato che mancava “qualunque altra prova certa e documentale”.  Nella fattispecie, infatti, la coppia non era in possesso di nessun altra documentazione in grado di comprovare la convivenza in essere: né la registrazione presso il comune di residenza come coppia di fatto, né un contratto di convivenza (clicca per scoprire cos’è il contratto di convivenza).